Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 19 aprile 2019

La politica decisa dai sondaggi



Un tempo la politica la facevano i Partiti. Ne discutevano nei Congressi, nelle riunioni del Comitato Centrale o della Direzione. La linea veniva definita in ragione di quelli che si ritenevano essere gli interessi generali del Paese che venivano prima di quelli del leader o del Partito.
Berlinguer, non senza un forte dissenso della Direzione da parte di esponenti di primo piano come Napolitano e Lama, impegno il PCI nel referendum per abrogarle il taglio della scala mobile decisa dal governo Craxi.
Ricordo che il Segretario del PCI, all'indomani della sconfitta, dichiarò che un Partito aveva il dovere della coerenza e che le battaglie ritenute giuste andavano condotte comunque.
Oggi la politica dei Partiti viene decisa dai sondaggi da cui dipendono gran parte delle scelte che vengono compiute.
Di tutti i partiti, non solo di alcuni. A un leader cosa viene richiesto? Non di conoscere i problemi del Paese ma di saper comunicare, indipendentemente dalla sua coerenza.
Salvini non avrebbe mai dichiarato che al giovane che aveva salvato tutta la sua scolaresca da un sequestro andava concessa la cittadinanza italiana, dopo aver affermato il contrario, se i sondaggi e i suoi comunicatori non gli avessero segnalato che avrebbe perso consensi.
Di Maio non avrebbe mai cambiato posizione su una serie di questioni se i sondaggi e gli esperti non gli avessero certificato un forte calo dei consensi a seguito della subalternità del M5S alla Lega e se non si votasse il 26 maggio.
La stessa identica cosa può essere detta di Renzi e gli esempi che potrei citare sono molti. Vinse le primarie sostenendo " che nessun imprenditore gli aveva posto il problema della abolizione dell'art.18". Giunto al governo fece il contrario.
Molte delle polemiche di queste ore si spiegano nello stesso modo e cioè con la necessità di " riposizionarsi" in vista delle elezioni europee, regionali e comunali. Le leadership e i partiti vengono prima del Paese. La mancanza di "pensieri lunghi" nasce, oltre che dal venir meno di ogni capacità progettuale, anche da questo e cioè dal fatto che questi potrebbero confliggere con gli interessi immediati.

Login