Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 11 gennaio 2019

Prima come Bersani, poi con Renzi, adesso con Zingaretti



Stamattina ho ascoltato sulla 7 Valeria Fedeli, parlamentare del Pd.
Eletta senatrice durante la segreteria di Bersani e diventata, quando Renzi ha assunto la guida del Partito, uno delle sue sostenitrici più convinte. Con quale coerenza non mi è mai stato chiaro dato che la linea con cui Bersani si era presentato alle elezioni sulle questioni del lavoro e delle riforme costituzionali non aveva alcun punto di contatto con le politiche inaugurate da Renzi.
Nel caso di Valeria Fedeli questo " scarto" è risultato ancora più incomprensibile perché quando era una sindacalista aveva più volte sostenuto il valore dell'art.18, ma tant'è... Il trasformismo non è una novità!
In piena campagna referendaria si era spinta fino al punto di annunciare che in caso di sconfitta non si sarebbe candidata, come Renzi, la Boschi e il deputato Carbone, quello del " ciaone" che alle ultime elezioni non è stato rieletto.
Oggi sostiene Zingaretti il quale, come è noto, si candida a guidare il Pd su una linea di discontinuità con le scelte compiute sotto la direzione di Renzi.
Bersani, Renzi, Zingaretti non sono stati e non sono la stessa cosa perché le linee che hanno sostenuto e sostengono erano e sono obbiettivamente alternative.
Io poi sono particolarmente severo verso alcune di queste persone che si sono collocate e/o ricollocate valutando dove tirava il vento. Perché, che Renzi abbia potuto contare sul sostegno della Boschi, di Carbone, di Lotti e di molti altri lo capisco.
Capisco meno che una giravolta, rispetto alla linea sostenuto fino ad un giorno prima con argomenti è grande determinazione, abbiano potuto compierla persone con una certa storia alle spalle, senza mai spiegarne le ragioni.
In politica le posizioni si possono anche cambiare, quello che è inaccettabile è che si cambino senza spiegarne le ragioni e senza compiere un minimo di autocritica.
Invece non solo questo non è avvenuto, ma alcune di queste persone sono ancora lì a spiegarci come gira il mondo.


Login